giovedì, marzo 09, 2017

ventimiglia il mio ritorno 11 marzo/VENTIMIGLIA: A PROCESSO I 2 NO BORDER ARRESTATI NEGLI SCONTRI IN CUI MORI' IL POLIZIOTTO TURRA/

ventimiglia il mio ritorno 11 marzo



" e ci siamo sabato torno a ventimiglia.... a vedere e visitare ventimiglia stessa....
e vedere come la situazione si evolve... spero inoltre ... di poter incontrare .. persone...
fatti luoghi.... mi avvicino a ventimiglia con silenzio certi giorni... e certi giorni... sento il dovere
di raccontarla... su questo blog... 


e ora satira ... per allegerire il blog...



la satira aiuta a capire le diversità... forza ed hurriya 

VENTIMIGLIA: A PROCESSO I 2 NO BORDER ARRESTATI NEGLI ...



Imperia - Saranno processati domani, nelle forme del rito immediato, dal giudice Caterina Lungaro, i due no border arrestati, il 6 agosto scorso, a Ventimiglia, a margine degli scontri avvenuti nei pressi del Parco Roja, nei quali ha perso la vita l'assistente capo della Polizia di Stato, Diego Turra, 53 anni, di Albenga (Savona), morto per un infarto. Alessia Di Gennaro, 27 anni e Giuseppe Borri, 29 anni, entrambi di Milano, accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni, hanno soltanto ricevuto la misura del divieto di dimora.


Alla convalida dell’arresto, in segno di solidarietà nei loro confronti, una quindicina di attivisti dei centri sociali organizzarono un presidio davanti al Palazzo di Giustizia di Imperia. Il 16 marzo prossimo, invece, dovrebbe andare a sentenza il proce




" la mia solidarietà verso i no borders e nota.... spero si faccia piena luce su quando accaduto quel giorno... anche se mi han detto che un udienza preliminare  ...

spero davvero si faccia luce... nel interesse di tutti ...   non so se domani ci sarò ahime lavoro...  il 16 siateci per felix    ore 14... e forza forza  e poi assemblea alla talpa alla sera ore 19  io li ci sarò "





ventimiglia va visitata e capita.... e capito che solo col dialogo si arriva ad una vera discussione....

l'11 torno a ventimiglia... 



e torno anche da lei




fonte


Abbiamo deciso di raccontarvi la storia di

 Delia, che gestisce il bar Hobbit a Ventimiglia,

 frequentato da immigrati #gazeb8marzo

dialogare è importante forza forza.... 



Réfugiés à Vintimille : une condamnation de Félix Croft serait injuste !


Rifugiati a Ventimiglia : una condanna di Felix Croft sarebbe profondamente ingiusta
Il governo italiano, uguale al francese, rifiuta di trattare con dignità i rifugiatiche bussano ai loro confini.
Di fronte la quel rifiuto persistente di trattare il problema all'altezza del drama rappresentato, alcuni cittadini delle Alpi Marittime, coscienti della sciagura vissuta dai quei migranti, s'impegnano in un procedimento solidale per risparmiare loro fame, freddo, malattia e pure la morte per incidenti, come sono già  avvenuti troppe volte.
 Dopo di chè, la Francia, invece di iscriversi nella legalità ed evitare dunque ai cittadini quelle azioni di benevolezza non ha trovato altro che processarli da colpevoli di " reato di solidarietà.
Lo stesso per l'Italia che prosegue Felix Croft, imputato dalla giustizia italiana per avere aiutato persone in situazione irregolare e, peggio, di averle messe in pericolo di morte (trasporto di sei persone in una macchina da turismo !).  Percio' incorre una pena di prigione ferma perfino a quindici anni.
 Oggi siamo accorati di costatare, col caso di Felice, che l'Italia ha raggiunto la Francia nell'infamia.
 Difatto, durante un'azione solidale rispetto a una famiglia sudanese, lui è stato arrestato il 22 luglio 2016 a Ventimiglia dove numerosi migranti sono costretti a dormire,  qualunque siano le condizioni meteorologiche, nella strada dove il sindaco ha firmato un decreto proibendo ai cittadini di nutrire i rifugiati col pretesto di eventualiproblemi sanitari.
 Pero' niente di piu' legitimo se no di aiutare una famiglia che teme la polizia per via di un rapporto ripreso dalla stampa sia italiana sia francese indicando "maltrattamenti suscettibili di costituire atti di tortura in certi casi". Famiglia affannata all'idea di essere espulsa illegalmente -com'é già successo e ha occasionato all'Italia di essere condannata, poco fa,  dalla Corte Europea Dei Diritti dell' Uomo-
Soprattutto quando si sa che la guerra, la carestia e perfino il rischio imminente di un genocidio (vedi qui e qua) imperversano nel Sudano Sud e nel Darfour. Situazione piu' dramatica ancora quando la stampa italiana fa caso di un accordo segreto tra le autorità italiane e sudanesi, di rimpatrio dei nazionali sudanesi - su ingiunzione europea-
 Sono queste notizie attinenti alla situazione dei migranti tanto in Italia quanto in Sudano Sud che hanno spinto Felice ad ascoltare la mamma di questa famiglia, incinta, con due bambini di 2 e 5 anni, che gli stava spiegando in inglese da dove venivano. Felice non poteva stroncare la poca speranza di questa mamma di portare i suoi piccoli in un luogo sicuro dove farli crescere degnamente.
 Cosi', quando gli ha chiesto di portarla in Francia colla famiglia, mostrandogli, sulla pancia del figliolo di cinque anni, le scottature provocate dall'incendio della loro casa in seguito ad una strage nel villaggio, Felice non ha piu' esitato, nemmeno un secondo.
Dopo una prima udienza il 16 febbraio 2017, la requisitoria del Procuratore e l'arringa della difesa verranno ascoltati dal Tribunale d'Imperia il 16 marzo prossimo.
 Non possiamo credere che a quella miseria venga aggiunta una condanna per quello che ha provato di porre riparo.
trovate la petizione su change org....

per ventimiglia deve dialogare... e per quanto mi riguarda rimarrò sempre della linea di difendere i migranti... 





siate umani...

Ventimiglia: il campo della roja che ha ospitato i rifugiati era chiuso da inizio febbraio per lavori di manutenzione. Ha appena riaperto per una capienza di 130 persone a casa ciò che è poco rispetto alle numerose arrivi.

Vintimille : le camp de la Roja qui accueillait les refugiés était fermé depuis début février pour travaux d'entretien. Il vient de réouvrir pour une capacité d'accueil de 130 personnes ce qui est peu par rapport aux nombreuses arrivées.







emergenza continua .. mentre a diano oggi ore 17... chiappori parlerà alla cittadinanza dei migranti...  mentre a ventimiglia se non piove sabato andrò.. perchè devo vedere le cose... 




Nessun commento: