domenica, dicembre 17, 2017

ventimiglia aiutare migranti e italiani /Migranti: corteo francese a Ventimiglia contro le frontiere/

ventimiglia aiutare migranti e italiani

questo è il blog segnalato... da fb... 

inizio così ... la mia storia di un ragazzo che ama la tolleranza.. a visto ventimiglia alta... e non tutta... che vede che ci son italiani poveri... e migranti che son fermi da 3 anni in frontiera



ieri non c'ero dispiace... perchè non potevo.. e mi han segnalato...

ma son felice che i NO BORDERS.. FACCIANO..

SON FELICE CHE CI SI MUOVA ...

DAGLI SCOGLI  AL ROYA... A MENTONE...

E ORA di cambiare questa europa 

e ora di dare una svolta...

contro i populisti... 

contro i razzisti...

e però si deve dialogare con gli italiani di roverino..

non si deve dargli contro



VENTIMIGLIA - Circa cinquecento

manifestanti in gran parte francesi di

associazioni 'no border' francesi e 

italiane 
che lottano per la libera circolazione dei 

migranti in Europa, hanno sfilato in corteo 
nel pomeriggio dalla stazione francese di

 Menton Garavan, al valico di Ponte San 

Ludovico, al confine italo-francese di 

Ventimiglia. L'ingresso in Italia era sbarrato

 da decine di poliziotti del reparto "Crs"

, camionette e reti metalliche di protezione 

alte 

due metri e mezzo.

Migranti: corteo francese a Ventimiglia contro le frontiere - Primocanale




" no son cattivi i no borders.. son esseri umani.... "



tanti tantissimi .... bravi grandi.... 

A seguito delle decisioni prese al vertice di Abidjan, nei prossimi mesi l’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni, agenzia dell’Onu, evacuerà (se ci riesce) 15mila profughi detenuti nella Libia di Serraje. Costo previsto, 80 milioni: 5.300 euro a testa.

Un mondo di tutti. La terra dei migranti



"hurriya"

venerdì, dicembre 15, 2017

ventimiglia il natale si avvicina...Imperia, la canzone di amore e di pace dei profughi/Alessandra Ballerini: “A Ventimiglia violati costantemente i diritti umani”/Lampedusa, tentano di fuggire in camion: migranti bloccati dai carabinieri






ventimiglia il natale si avvicina...Imperia, la canzone di amore e di pace dei profughi

e il natale si avvicina siate buoni con tutti  .. profughi e italiani in difficoltà .. e donate pace... agli uomini di buona volontà... sia che siano ancora nel roya.. o sui monti di ventimiglia... sia che siano gli ultimi...

cmq il secolo  del 14 dicembre scrive questo...


Imperia - Un video per fare gli auguri di 

Natale alla città che li ha accolti, per 

parlare di pace e di futuro, per festeggiare di 

essere finalmente lontani dalla guerra . Sono 

appassionati di canto e di musica Ojijewve 

Delé, Osas Destini, Sunday Abdi, Yabang 

Bubacarr e attraverso la loro voce “War Is 

Over” di John Lennon acquista un significato

 attuale, entra nella nostra quotidianità, 

lontano da ogni guerra e da ogni 

discriminazione.

fonte



Per gli auguri di natale - Imperia, la canzone di amore e di pace dei ...



"siate umani e donate alberi di natale a tuti da imperia piazza san giovanni....

fino ad ventimiglia.... bar hobbit delia.... o eufemia .... 

Say no to racism
Dire di no al razzismo
بگو نه به نژادپرستی


Meglio aggiungere vita ai giorni , non giorni alla vita.
Rita Levi-Montalcini
Better to add life to days, not days to life.
Rita Levi-Montalcini
بهتر است زندگی به روز ها اضافه کنیم ، نه روز به زندگی .
ریتا لوی مونتالچینی
No al Razzismo. No toRacism.نه به نژاد پرستی
No al Razzismo (Contro ogni forma di Razzismo) / No to Racism (Against All Forms of Racism) نه به نژادپرستی علیه همه اشکال نژادپرستی




"il natale si avvicina ... per molti di noi... che vagano ... per me è la festa della pace.. della riconcigliazione... della tranquillità non altro"



Sanremo ha voluto celebrare la giornata mondiale dei diritti umani con un convegno al Casinò con la presenza di Alessandra Ballerini, avvocatessa che da anni si batte per i diritti delle persone. 
“Quest’anno sono oltre 3000 i morti nel Mare Mediterraneo– spiega la Ballerini- e non contiamo le persone che vengono sistematicamente torturate nelle carceri libiche, grazie anche ai soldi dati dagli Stati Europei che quei diritti dovrebbero invece rispettare. 
La Liguria e Ventimiglia – continua l’avvocatessa- che è una terra di frontiera e nelle terre di frontiera di vedono molto di più le discrepanze tra quello che è stato sancito e come è la realtà dei fatti. A Ventimiglia- conclude- questa discrepanza è enorme perchè le violazione dei diritti sono sistematiche.”

Alessandra Ballerini: "A Ventimiglia violati costantemente i diritti umani"



"aiutare i migranti... "

Sventata la fuga di sette tunisini da Lampedusa. Erano nascosti nel vano cassonato di un autocarro in procinto di imbarcarsi sulla nave per Porto Empedocle. I carabinieri erano impegnati in un ordinario servizio di prevenzione generale vicino al molo commerciale e si sono insospettiti quando hanno notato dei movimenti anomali al di sotto di un telone che copriva il vano cassonato di un autocarro, che stava per salire a bordo del traghetto "Cassyra".

Lampedusa, tentano di fuggire in camion: migranti bloccati dai ...



" LA gente scappa... i migranti scappano.... perchè vogliono una vita migliore..."

Martine Landry, membro di Amnesty International France, anafe, e resf, accompagnatrice giuridica presso minorenni isolati stranieri, sarà giudicata a Nizza il 8 gennaio 2018 per "reato di solidarietà":
[COMUNICATO STAMPA ANAFE / Amnesty International Francia]

Amnesty International France (AIF) e l'anafe (Associazione Nazionale di assistenza alle frontiere per gli stranieri) fanno parte della loro profonda preoccupazione per le azioni intraprese nei confronti di una delle loro attiviste a causa del suo lavoro di accompagnamento giuridico presso due Minatori stranieri isolati, illegalmente licenziati in Italia dalla Francia.
Martine Landry, attivista di aif e di, sarà giudicata a Nizza, lunedì 8 GENNAIO 2018., e di aver "agevolato l'ingresso di due minori stranieri in situazione irregolare". rischia fino a cinque anni In carcere e 30 000 € di multa.
" impegnata presso Amnesty International France dal 2002, Martine Landry è responsabile di una missione di osservazione in zona d'attesa per aif. Parallelamente, essa partecipa alle missioni di consulenza e di accompagnamento dei richiedenti asilo nell'accesso ai loro diritti. E ' un'attivista esperta, rispettosa del diritto, che conosce perfettamente il quadro giuridico in cui si inserisce la sua azione. Questa accusa è assurda ", afferma Camille Blanc, presidente di Amnesty International Francia.
Aif e l'anafe denunciano ancora una volta il perseguimento di persone la cui unica motivazione è quella di prestare assistenza ai migranti e ai rifugiati, senza altra contropartita che vedere i loro diritti rispettati.
Né contrabbandieri, né delinquenti, queste persone, preoccupate, intimidire, proseguite, difendono innanzi tutto i diritti umani. Esse agiscono per tutelare i diritti delle persone migranti e rifugiate cui incombono le autorità francesi.
" mentre da più di due anni le nostre organizzazioni denunciano le violazioni del diritto internazionale, europeo o francese, alla frontiera franco-Italiana da parte delle autorità francesi, queste ultime intimidiscono e perseguono quelle che cercano di proteggere i diritti umani di persone Vulnerabili come minatori isolati ", denuncia Alexander Moreau, presidente dell'anafe.
Nel corso del 2017, AIF e l'hanno documentato e denunciato numerose irregolarità. Le persone controllate alla frontiera sono in maggioranza private di qualsiasi possibilità di far valere i loro diritti, in particolare quello di chiedere asilo. I bambini non accompagnati non sono oggetto di attenzione per quanto riguarda la loro situazione di vulnerabilità, come richiesto dalla legislazione francese per la protezione dell'infanzia. I bambini sono rinviati allo stesso titolo degli adulti, in modo sbrigativo e senza possibilità di esercitare i loro diritti o addirittura di essere accompagnati.
Il processo di Martine Landry deve essere l'occasione per il governo francese di modificare la sua legislazione che consente, come dimostra questa situazione, di criminalizzare l'assistenza fornita dai cittadini per proteggere i diritti delle persone migranti e rifugiate.
E ' urgente e indispensabile che la politica del governo francese venga riorientata in modo da rispondere all'imperativo del rispetto dei diritti delle persone migranti e rifugiate che attraversano la frontiera franco-Italiana e alla necessaria protezione di coloro che li aiutano.
Amnesty International France e l'anafe assicurano martine landry del loro sostegno e saranno presenti al processo.
Ulteriori informazioni
Martine Landry è membro di Amnesty International dal 2002., è anche la assistente regionale Provenza-Alpi-Costa Azzurra sulla questione dei rifugiati e migranti dal 2011 e incaricata di una missione di osservazione in zona d'attesa per aif. Parallelamente, essa partecipa alle missioni attiviste di consulenza ai richiedenti asilo e di accompagnamento nell'accesso ai loro diritti, missioni per le quali ha beneficiato di varie formazioni.
Inoltre, al di fuori delle sue attività per aif, Martine Landry è impegnata in diverse associazioni locali e nazionali per la difesa dei migranti e dei rifugiati.
Lavorando con l'anafe da molti anni nell'ambito della sua missione di osservazione in zona d'attesa per aif, Martine Landry è membro individuale dell'anafe dal 2017. Partecipa attivamente alla missione di osservazione dell'anafe alla frontiera franco - Italiana.
Sintesi dei fatti
Il 28 luglio 2017 la polizia italiana ha licenziato due minatori stranieri isolati in Francia. Martine landry li ha recuperati al posto di frontiera mento / Ventimiglia dal lato francese per le alla polizia alle frontiere (paf), con documenti che attestano la loro richiesta di assistenza sociale all'infanzia (ESA). I due minatori, entrambi di 15 anni e di origine guineana, sono stati successivamente presi in consegna dall'esa.
Il 31 luglio, Martine Landry si è recata alla paf di mento in seguito all'arresto e al trasferimento di 31 migranti. In quel giorno, si vede una convocazione per un'audizione il 2 AGOSTO. Il giorno dopo, Martine Landry riceve una convocazione del Tribunale correttivo di Nizza. Essa deve essere giudicata il 8 gennaio 2018 per "aver facilitato l'ingresso di due minori stranieri in situazione irregolare [...], avendo preso in carico e convogliato pédestrement questi due minatori del posto di frontiera lato Italia al posto di frontiera lato Francia".

"aiutare"


lunedì, dicembre 11, 2017

ventimiglia roya .. argentina... armea in piena.... /Maltempo| Sgomberato l’argine del Fiume Roia dalle persone accampate li da mesi/Val Susa, a piedi sulla neve per raggiungere la Francia: migranti trovati congelati

"ventimiglia roya .. argentina... armea in piena....

e scrivo sotto una tempesta di acqua ad imperia... perchè lavoro... ed ho passato la giornata .. a portare legna in casa.. e guardare il tempo... bhe ventimiglia... migranti accampati... in fuga DA GUERRE...DA FAME  da freddo... si son accampati li per non esseere identificati.... "




"e  oggi  (11 dicembre) sgomberati come bestie come  bestie

ma anche italiani .. han paura per questo tempo
anche chi dorme sotto i ponti..
chi non a un pasto caldo
si penso.. che aiutarli sia umano
penso che sia i migranti che i poveri
vadano aiutati
senza distinzione di razza

ore 19...

mentre lotto perchè non saldi la luce
ed ascolto la pioggia
penso ai migranti e ai poveri"

Ventimiglia. Si è proceduto allo Sgombero dell’argine del fiume Roia dove come sappiamo ormai da tempo esiste una tendopoli di persone extracomunitarie che attendono in questo posto di poter tentare di espatriare in Francia. Lo sgombero attuato dalla Polizia di Stato dalla Polizia Locale e dai vigili del Fuoco con l’ausilio di un mediatore culturale si è reso necessario per le condizioni meteo che stiamo vivendo.
I Vigili del Fuoco in particolare sono intervenuti per recuperare 5 extracomunitari che erano rimasti bloccati nelle volte del ponte ferroviario di via Tenda .



Maltempo| Sgomberato l'argine del Fiume Roia dalle persone ...






buona visione

Il confine tra Italia e Francia continua ad essere una rotta battuta illegalmente dai migranti anche con il freddo di questi giorni e la neve.
In soli due giorni, tra ieri e oggi, sono stati effettuati tre interventi di soccorso.
L'ultimo caso risale a poche ore fa: diverse persone, tra cui una donna in stato di gravidanza, sono state trovate congelate mentre cercavano nella notte di arrivare sul suolo francese attraverso il Colle della Scala, che unisce la Val Susa in Piemonte con la Val della Clarée.
I dispersi sono stati individuati dalla gendarmeria francese ma, poiché si trovavano sul suolo italiano, sono stati recuperati dal soccorso alpino piemontese.
L'intervento è avvenuto alle 6 del mattino: i migranti sono stati trovati con gli arti paralizzati per il freddo, alcuni nella traversata avevano perso scarpe e guanti.
Tutti sono stati portati a valle e ricoverati in ospedale. Nessuno di loro sarebbe in pericolo di vita.


Val Susa, a piedi sulla neve per raggiungere la Francia: migranti ...



"essi  anche passare la frontiera dalla val di susa


cmq spero che gli appelli servano.... che la gente di ventimiglia e di val susa... e di gorizia... e di lampedusa... e genova e di roma... capisca e ragioni col cuore... qui brutto tempo.... sia per gli italiani che i migranti... magari questo possa avvicinare la gente "

casa mia oggi....



"oggi 12 dicembre ore 10.55 dopo levato vetri dalla mia serra.. e per strada... il pensiero è ancora per i migranti... ieri ho visto foto che testimoniavano... la chiusura... di una città... e mi dispiace tanto... associazioni onlus di ventimiglia... aiutare i migranti arci genova ... ventimiglia... savona... e già chi lo fà come gli arci di imperia...e la talpa e l'orologio  spero anche gli arci  di taggia aiutio immaginare migranti.. che disperati... vogliono andare in francia mi rende triste...  ma non per questo meno determinato... spero il sindaco apra gli occhi il suo partito apra gli occhi e non segua l'onda delle destre... che come dire... speculano.. sui poveri... a tutti va il mio appello.. sia i migranti ...che gli italiani alla canna han bisogno... aiutateli... vi prego..."

e forza eufemia e bar hobbit ..

I medici, che prima avevano a disposizione un locale adibito ad ambulatorio messo a disposizione da Don Rito, parroco della chiesa di Sant'Antonio alle Gianchette, ora trovano difficoltà ad operare, n particolare per i migranti che non stazionano stabilmente al ‘Campo Roya’.

fonte 

Ventimiglia: medici volontari trovano difficoltà nell'aiutare i migranti ...



"anmesty ... italia emergency italia..... e tutti aiutiamo i tanti migranti e i tanti italiani...

non chiudiamo gli occhi vi prego"

sabato, dicembre 09, 2017

ventimiglia un amore profondo /Ventimiglia: per i migranti è emergenza umanitaria/Libia, salvati 209 migranti

ventimiglia un amore profondo 

e la pausa del immacolata.. il racconto continua... il volere condizioni di vita eguali per tutti è un diritto per i migranti che molti dormono al freddo....e in condizioni igeniche terribili... sia chi non a una casa italiano di ventimiglia...  molti migranti vivono sperando di attraversare il confine.... molti cercano solo quello .... e nei molti viaggi li ho visti sotto il ponte del roya ... lavarsi.. dormire sotto gli archi... 



e vedere ventimiglia alta .. fà capire quanto sia bella... unica e di tutti
ma tutti tutti

nel mentre facevo le dirette fb

vedevo passare i migranti

e ogni volta la mia impotenza era tanta

aiutateli... 

A Ventimiglia la condizione dei migranti che cercano e sperano di entrare in Francia è davvero ormai arrivata allo stremo.
Lo testimoniano le associazioni Oxfam Italia e Diaconia Valdese che hanno offerto, con il loro programma Open Europe,  assistenza e  primo soccorso alle persone che si trovano al confine: circa 500 migranti vivono nel centro di transito gestito dalla Croce Rossa, mentre oltre 200 vivono all’aperto in un campo improvvisato lungo il fiume Roia.
Al confine con la Francia i migranti arrivano fuggendo perlopiù da Paesi in guerra come SudanIraqAfghanistanEritrea e Siria: si tratta di persone che hanno attraversato l’inferno percorrendo la Libia e che arrivano stremate in un altro inferno di freddo e gelo data la stagione.
fonte

Ventimiglia: per i migranti è emergenza umanitaria




"aiutateli... non siate miopi.... e dato che alcuni ad imperia mia city.. dan da mangiare ai poveri.. spero lo facciano per tutti"




Ventimiglia, migranti accampati lungo il fiume Roia. L'assistenza della Caritas


(ANSA) - IL CAIRO, 9 DIC - Due motovedette 

della Guardia costiera libica "hanno potuto

 salvare" ieri 209 migranti, tra cui "23 donne e 

28 bambini" a bordo di due gommoni al largo

 di Tripoli. Lo riferisce il sito della Marina libica.


    Un gommone imbarcava 161 persone "di 


nazionalità africana", tra cui 16 donne e 17 

bambini, ed è stato intercettato "a nord di 

Garabulli", precisa la nota riferendosi a un 

centro situato una cinquantina di chilometri a 

est della capitale libica.

    L'intervento è stato compiuto dalla

 motovedetta "Ras Jedir".

    Anche l'altrO gommone (con 48 migranti a 

bordo, di cui 8 donne e 11 bambini) è stato 

salvato nella stessa area, ma dalla 

motovedetta "Sabrata".

    I migranti sono stati trasferiti al centro di 

accoglienza di Tagiura, sempre a est di Tripoli,

 informa ancora il comunicato.

fonte   



"tra poco sarà natale.. e spero ci più umanità nel mondo da ventimiglia fino a lampedusa.. siate più buoni..."


ma oggi 9 dicembre .... si parla ancora dei migranti

Ventimiglia. Scrivono i “Solidali del Ponente 
Ligure”: “In questi ultimi tempi, abbiamo 

assistito a dichiarazioni sbalorditive da 

parte del sindaco di Ventimiglia Ioculano e 

da tutta quanta l’amministrazione. Non che

 sia una novità, nel recente trascorso , il 

Sindaco ci ha abituato a frequenti isteriche 

cadute di stile: polemiche con il Vescovo 

Mons. Suetta riguardo all’assistenza data 

alle Gianchette e alla proposta di un centro

 per Minori presso il Convento dei Frati 

Minimi e anatemi vari scagliati contro i 


“noborders”, considerati la “vera sciagura” 

di 

Ventimiglia.


Risultati di ricerca


I Solidali del Ponente: “A Ventimiglia tra opportunismi e reticenze ...



" bha vera sciagura.. non penso... i no borders han fatto il possibile per aiutare i migranti... sia sugli scogli che ora sul roya la speranza e che la gente di ventimiglia non sia pilotata.. da chi vuole una guerra tra i poveri  "



sempre più famiglie con bambini dormono per strada. X. Richer / Photononstop
Nonostante l'arrivo del freddo e l'apertura di nuovi luoghi di accoglienza nella capitale, il numero di persone costrette a dormire fuori continua a crescere.

L'arrivo del freddo non cambia molto. Nell'Île-de-France, sempre più famiglie e bambini dormono per le strade. "Due anni fa, 115 operatori sono riusciti a trovare soluzioni abitative per otto famiglie su dieci.Oggi meno di una persona su cinque riceve una risposta positiva ", ha detto pochi giorni fa il parigino Éric Pliez, presidente di Samu social Paris. Secondo le cifre fornite la settimana scorsa, nell'unica notte da mercoledì a giovedì, 778 persone, tra cui 286 bambini, sono rimaste irrisolte. In 24 ore, su 1600 chiamate, sono stati trovati solo 278 posti.
Di fronte a questa situazione, il sindaco di Parigi ha lanciato sabato con il Samu social un appello per la mobilitazione generale. "È un dato di fatto: la capacità di alloggi di emergenza in Île-de-France è insufficiente. Attualmente, quattro famiglie su cinque che contattano Samu Social rimangono irrisolte. Abbiamo un dovere collettivo: aiutare quei cittadini in grande difficoltà che, senza la nostra solidarietà, non potranno rimanere quest'inverno ", insiste Anne Hidalgo, sindaco della capitale.
Parigi, tuttavia, non se ne stava seduta pigramente. Da quando il nuovo team municipale è salito al potere nel 2014, la città ha acquisito 2.000 posti aggiuntivi in ​​alloggi di emergenza, portando il totale a 10.000, più 11.600 spazi di social-hotel. . Il 10 dicembre, un nuovo centro di accoglienza modulare con 308 spazi si aprirà nel 12 ° arrondissement, dove si prevede di stabilizzare le famiglie fino al 2019. Un altro centro dovrebbe essere installato a lungo termine in una ex caserma della zona. 16 ° arrondissement molto chic. Allo stesso tempo, più di 1.000 posti in undici palestre e cinque municipi possono essere mobilitati a rotazione come parte del piano del freddo. Parigi offre allo stato anche lo sviluppo della Val-de-Grace, vuota da giugno 2016 e per molti altri anni. La città vorrebbe anche utilizzare una trama di 1000 m2 situata a Neuilly-sur-Seine, che possiede con Belle Arti, ha spiegato Ian Brossat, assistente PCF responsabile per l'alloggio e l'alloggio nella città di Parigi.
Uno sforzo notevole ma il cui dispiegamento è più lento dei bisogni, secondo il social Samu. Quest'ultimo stima a 3.000 il numero di nuovi posti di accoglienza necessari per fronteggiare l'emergenza in Île-de-France. Il dispositivo è inghiottito dalla mancanza di alloggi per aiutare le famiglie a uscire dal rifugio di emergenza.

Tutti i reparti non partecipano allo sforzo

In una recente dichiarazione, Samu social ha osservato che "il 44% delle famiglie vive per più di due anni in hotel" (tra cui 12.000 bambini) e blocca questi luoghi di emergenza anche se questo tipo di alloggio non è adatto per bisogni della famiglia. A ciò si aggiunge la presenza di lavoratori poveri che, a causa della mancanza di alloggi a prezzi accessibili, occupano circa un quarto del numero totale di posti di alloggio.
Soprattutto, la mobilitazione della città di Parigi non consente di colmare la mancanza di volontà di alcuni dipartimenti limitrofi a partecipare allo sforzo di solidarietà verso i senzatetto e i più precari."È ovvio che dobbiamo creare posti aggiuntivi. Ma vogliamo essere all'altezza, è necessario che tutti siano mobilitati e che lo Stato cerchi territori che fino ad ora sono stati poco mobilitati, analisi di Ian Brossat. Attualmente, a Parigi, ci sono cinque luoghi di alloggio ogni 1.000 abitanti quando questa cifra è di 1 su 1.000 nella Hauts-de-Seine. E ancora, sono quasi tutti nelle città comuniste. "
fonte

Île-de-france. Les sans-abri face au déficit de solidarité | L'Humanité


la povertà a parigi... il freddo e la pioggia a ventimiglia donate ad EUFEMIA E AL BAR HOBBIT...

AIUTATE I MIGRANTI .... AIUTATE I SENZA TETTO ...