venerdì, gennaio 04, 2013

IMPERIA Attentati a Ponente, la matrice è mafiosa/IL SOGNO SOGNA ALLE 14.12 DI OGGI 4 GENNAIO 2012




Bordighera - Attentati a Ponente, era mafia. Ad aggiungere un carico da novanta alle accuse che lo scorso settembre hanno già portato in carcere il clan Pellegrino, infatti, sono ora anche la Direzione distrettuale antimafia di Genova che ha contestato a ben sette persone l’aggravante dell’agevolazione mafiosa, e il gip Franca Borzone, che sulla base di pesanti elementi ha firmato nuove ordinanze di custodia cautelare, quasi tutte notificate a persone già in carcere.
Il giudice genovese ha scritto un dettagliato provvedimento e ha messo nero su bianco un’accusa che pesa come una sentenza: «Non pare dubbio che i Pellegrino –scrive il gip - si muovevano in un contesto di mafiosità e adoperavano metodi che ben possono definirsi mafiosi».
I nuovi provvedimenti, collegati all’inchiesta dei carabinieri della Procura di Sanremo e del reparto provinciale operativo dell’Arma coordinato dal maggiore Cambieri, hanno raggiunto Roberto e Giovanni Pellegrino, di 35 e 42 anni di Bordighera; Simone Calvini, 38 anni e Daniele Valsecchi di Coldirodi e Giuliano Manzo, di Vercelli, tutti già in carcere con accuse che vanno dall’estorsione agli attentati dolosi e al traffico di droga e armi. L’aggravante di aver agevolato l’associazione mafiosa è poi stata contestata anche alla moglie di Calvini, Lara Gambacorta, rimasta però agli arresti domiciliari.
L’inchiesta che li ha portati in carcere già lo scorso primo settembre, coordinata dal procuratore di Sanremo Roberto Cavallone, culminata con la scoperta degli autori materiali dell’attentato incendiario contro il bar Central Park all’interno del centro commerciale di Taggia, aveva preso il via sulla scia dell’escalation di attentati incendiari che nel 2011 hanno colpito il Ponente Ligure. Ed in particolare i mezzi della ditta edile Tesorini, andati in fiamme nei cantieri di Bordighera e Sanremo. A dare un’accelerata all’inchiesta è stata poi però anche la collaborazione di un “pentito”, Stefano Bonomo. Ma la svolta fondamentale si è avuta proprio nel corso del fallito attentato al Central Parck. Quando, nel corso delle indagini, effettuate anche con intercettazioni ambientali e telefoniche, decine di carabinieri hanno riconosciuto Simone Calvini, Daniele Valsecchi e Giuliano Manzo: sorpresi e filmati con le mani sulle taniche di benzina, con la quale hanno appiccato il fuoco al locale di Pino Amedei, detto il “cobra”.
Già subito dopo aver chiuso il cerchio dell’inchiesta il procuratore Cavallone aveva mandato tutto il fascicolo alla Dda di Genova ipotizzando il reato di associazione mafiosa. Il resto è cronaca di queste ore. La procura antimafia ha dato ragione alla procura di Sanremo e ai carabinieri e sostenuto la nuova pesantissima aggravante. Il clan, ha infine rimarcato il giudice, ha agito «con metodi e sistemi mafiosi».
E’ una svolta significativa e determinante. Perché ovviamente un conto è percepire certi reati come mafiosi, un altro è che a sostenerlo sia prima la procura che si occupa espressamente di reati di mafia ed infine un giudice terzo, che sulla base degli elementi ha firmato le nuove ordinanze di custodia cautelare.




ESSI LA MAFIA C'è ESISTE ..... E SA COLPIRE 

SE I SOGNI SON CASINI

I SERVI DELLE PADRONE

SOGNANO LIBERTà DAI LORO PROBLEMI

I MAFIOSI HAN GIà UN PONENTE MORENTE

E SE LO GIOCANO CON IL CALCIO E LA DROGA

ILLUSIONI DEI CORTEI OVE IL CORAGGIO DURA SOLO 4 ORE

LA ROUTINE SERVE PER DISTRARTI

FUMI IN UFFICIO E DISTRATTAMENTE

HAI CATENE DA SERVO

PURE TE

LE TUE DECISIONI SON GIà PRESE

TU METTI DISCHI

TU FAI FOTO

TU AMMAZZI IDEE SOGNANTI

IRRIDI IL BALZELLO

CHE è CORAGGIO

DI UN STRISCIONE

CORAGGIO

CITTADINO

DI RIBELIONE

INDIFFERENZA

E SERATE DJ 

DI VENERDI

APERITIVI E APERITIVI

MAFIE E SOMMINISTRAZIONI DI ILLUSIONI

QUEI PASSETTINI

CHE SOLO QUI SI FAN 


SOGNIAMO LA LEGALITà ORA ADESSO





Nessun commento: