sabato, ottobre 21, 2017

ventimiglia tornare a ventimiglia .../Migranti tentano espatrio passando fogna/Migranti, viaggio nei ghetti del Nord-Est al confine con l'Austria

ventimiglia tornare a ventimiglia ...

che dire ore 15.16 appena tornato da ventimiglia dopo un mese di assenza... che devo dire entrare al bar hobbit è sempre bello





per i panini di delia sempre top 


somma il bar hobbit è casa ... dopo son partito alla volta di ventimiglia alta 


anche se lo visitata poco poco .. però è sempre molto bella


e devo dire che sul roya i migranti sul roya ci sono
ed han bisogno di aiuto...




di sostegno e mentre a roma si manifesta ... contro ogni forma di razzismo.. a ventimiglia i migranti del roya... chiedono aiuto


ventimiglia tornare a ventimiglia ...

sempre bello tornare la

Migranti tentano espatrio passando fogna - Cronaca - ANSA.it






(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 21 OTT - Due migranti sono stati soccorsi a Mentone dopo essere rimasti intrappolati nell'impianto fognario nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia passando da un tombino. E' accaduto, ieri sera, vicino alla frontiera franco-italiana di Ponte San Ludovico, a Menton. Secondo quanto anticipato sul quotidiano francese Nice Matin, sono stati i sapeurs pompiers a estrarre i due migranti, ormai in crisi ipotermica. Una volta visitati e identificati sono stati riammessi alla polizia di frontiera italiana. Si tratterebbe della prima volta che viene utilizzato un sottoservizio per espatriare in modo clandestino. Molti i metodi utilizzati finora - il tetto dei treni, le cabine degli impianti elettrici, lungo ferrovia e autostrada e attraverso i passeur - ma mai in questo modo.


" e continuano a fuggire perchè vogliono andare via dal italia"




a moltedo.... si ragioni ... non ci sia scontro.... per piacere...


Migranti, viaggio nei ghetti del Nord-Est al confine con l'Austria



c'è un imam egiziano che chiede in italiano a un operaio del Bangladesh di spiegare in inglese a un rifugiato afgano le modalità di fruizione della moschea. Il giovane afgano capisce poco o nulla l’inglese, perciò il dialogo rimbalza su un giornalista trevigiano che parlucchia la lingua urdu, così il cerchio si chiude. Sembra una barzelletta, ma è quello che succede nella moschea di Pordenone. È qui che la comunità islamica locale si incontra, in uno spazio ordinato e pulito, dove l’area di preghiera è condivisa in modo equo tra fedeli di ogni nazionalità e corrente, ovvero sciiti e sunniti. Sì, perché «sunniti e sciiti non sono nemici in Europa, è una questione politica, dei luoghi in cui c’è la guerra», assicurano.

" e si manifesti a roma e forza perchè importante per i confini del austria... di ventimiglia.. e ci sia dialogo"






fonte


Amnesty Lazio



e cmq grande talpa e orologio a roma 




Nessun commento: