sabato, ottobre 18, 2014

save agnesi/ IMPERIA. CENTRO SMISTAMENTO PROFUGHI A SAN LAZZARO. FORZA ITALIA: “VICINO A IMPIANTI SPORTIVI E PARCO URBANO, È INCONCEPIBILE!”


forza agnesi forza 

salvare l'agnesi si deve.... 



per me alternative e vedere 200 famiglie che lavorano in nero ho fan i barboni come un operaio agnesi a detto



quindi save agnesi save





perchè è un pezzo importante di imperia









IMPERIA. CENTRO SMISTAMENTO PROFUGHI A SAN LAZZARO. FORZA ITALIA: “VICINO A IMPIANTI SPORTIVI E PARCO URBANO, È INCONCEPIBILE!”


Premettiamo che siamo per la solidarietà verso chi soffre e per aiutare le persone bisognose, siano esse italiane e non, non siamo, inoltre, per demagogiche speculazioni ma, riteniamo sbagliato ed inconcepibile un centro di smistamento per extracomunitari nell’ex campo di calcio di San Lazzaro, situato nel centro cittadino, a pochi metri dai diversi impianti sportivi di eccellenza della città, come il tennis San Lazzaro, il Palazzetto dello Sport, la Piscina Comunale e di fronte al nuovo Porto Turistico e a pochi passi dal Parco Urbano, frequentato da famiglie e bambini.





che dire solidarietà e se li avessero messi da un altra parte la scusa sarebbe pronta 


SOLIDARIETà SEMPRE 



Collegamento permanente dell'immagine integrata


«Si ipotizza che i video siano stati girati in studio» Carlo Freccero su Isis e comunicazione

chissà chissà

La Prefettura di Imperia (rappresentante dello Stato sul territorio) ha richiesto al Comune di Imperia l’individuazione di un sito sul quale realizzare un Centro di Smistamento per immigrati.
Il Comune di Imperia, in accordo con Prefettura, Questura, ASL ha individuato nel ex campetto di calcio abbandonato di San Lazzaro la sede temporanea per la realizzazione di tale struttura.
Capisco perfettamente che questa decisione possa destare polemiche, pertanto ritengo opportuno chiarire esattamente di cosa stiamo parlando. Il numero di immigrati previsti è pari a 10 / 20 persone ogni 15 giorni così come stabilito dal piano nazionale di distribuzione.
Lo scopo della struttura è quello di procedere alla registrazione delle persone, al fotosegnalamento e ad una serie di controlli sanitari (il quarto dal loro ingresso in Italia). Tale processo avrà una durata stimata di circa 3 ore dopodichè le persone saranno avviate presso associazioni del Terzo Settore (cooperative sociali) che provvederanno al loro temporaneo alloggiamento e sostentamento.
Tutte queste fasi saranno effettuate sotto la Direzione e Controllo della Prefettura di Imperia mediante l’ ausilio di personale di Polizia e ASL.
La collocazione del sito è temporanea ed è stata individuata per gestire un emergenza che si ritiene durerà alcuni mesi.
Nei prossimi giorni sarà firmato un protocollo di intesa con la Prefettura di Imperia a mezzo del quale verrà regolamentato l’utilizzo temporaneo del campetto, luogo sul quale l’ Amministrazione Comunale ha in corso alcuni progetti e pertanto dovrà essere restituito entro alcuni mesi.
Ricordo a chi sta già cavalcando l’ onda della protesta, strumentalizzando una decisione che deriva da una precisa direttiva dello Stato, che stiamo comunque parlando di esseri umani, non di pacchi postali, per i quali non c’è nulla da temere in materia di salute pubblica. A tale proposito sarò presente al primo arrivo, al momento non ancora previsto
Concludo confermando la mia assoluta fermezza nel difendere la salute dei cittadini imperiesi e per questo motivo controllerò costantemente l' evolversi della situazione.


dal fb di carlo capacci


che commentare si fà solo allarmismo.... e bon..... perchè l'accoglienza ci deve essere la tolleranza idem.....  siamo umani non bestie 


cmq sempre forza genova




forza forza 





oggi

Nessun commento: