lunedì, gennaio 23, 2017

ventimiglia... ore 19.54 anno bho/440mila euro alla Caritas in tre anni: determinato dal comune di Ventimiglia l'impegno di spesa per poveri e migranti .../Lampedusa Naufragio Peschereccio

ventimiglia... ore 19.54 anno bho

e anno bho è perchè il migrante infreddolito e l'italiano senza lavoro... magari un giorno si parleranno in un bar di ventimiglia.. e scopriranno che avranno molte cose in comune... forse tante tante tante... leggo e leggo che le guerre spesso nascono ... e poi farle finire e dura.. leggo e mi immagino il nervoso del diverso... " ecco questo mi ruba il lavoro, ecco da dove arriva, ecco per a ventimiglia?" non ho risposte .. ne grafici.. da genio.. ho solo cuore.. e so che pure sta sera nel buio.. sia italiani che stranieri.. entrambi migranti... soffrono il freddo.. e magari la fame... angoscia.. e un sentimento triste.. se vedi intere famiglie senza lavoro... se vedi gente e commercianti.. disperati... e arrabbiati.. una soluzione? averla si va verso tempi tristi... e forse... si dovrebbe riflettere prima di innescare guerre tra poveri... 


notizie ventimiglia...  

440mila euro alla Caritas in tre anni: determinato dal comune di Ventimiglia l'impegno di spesa per poveri e migranti ...

Ventimiglia. Centosessantamila euro nel 2017, altrettanti nel 2018 e 120mila nel 2019: queste le somme stanziate, per un totale di 440mila euro in tre anni, dal Comune di Ventimiglia a favore della Caritas intemelia.


" leggendo articolo... capisco ... tante cose... il fenomeno della migrazione non si ferma.. servono politiche diverse.. in quei luoghi... e servono politiche diverse... in italia..."






questo non è colpa mia... e colpa di politiche sbagliate..





e il cuore dei migranti... e  quello che fugge dalle guerre.. e il cuore... degli italiani fugge da politiche  sbagliate... che illudono gli ultimi.. come ventimiglia così come ad imperia... così come nel mondo.. chiunque vince a ventimiglia. poi a da fare strade nuove.. buche.. degrado.. pulizia dei fiumi. e a latte... magari ci son ancora adesso poliziotti .. che con turni massacranti... devono lavorare.. fermare .. rimpatriare i migranti... ubbidire a leggi... e spero che chi legge.. su fb... su altri social... capisca.. che lo scontro... eterno non fà bene ai migranti e agli italiani... 



e che devo dire... che dire il dialogo e da deboli... e sciocco.. che la giustizia ... trionfa? bhe immagino il viaggio dei migranti.. immagino il dolore di chi perde lavoro... immagino le banche ... che ti chiedo soldi.. i prestiti.. il non arrivare a fine mese.. il pagare pagare .. pagare.. e cresce la rabbia... magari anche contro .. il diverso... e ogni giorni gli occhi .. pensano .. a quella volta ed era prima che vidi  migranti a ventimiglia... non penso... di dare colpe... le colpe son di chi sciaccia il bottone.. di proteste ... del dopo... insediamento... e in siria si muore.. per strada in italia si muore... si son pesante.. ma non sorgeggio the.. a casa... in una villa ricca...

I ferrovieri francesi boicottano la caccia ai migranti a Ventimiglia


Il 23 dicembre 2016 nella frazione di Latte, poco oltre Ventimiglia, un treno regionale diretto a Nizza investe un gruppo di migranti in cammino lungo la ferrovia verso la Francia. Un ragazzo senza documenti è stato sbalzato sulla massicciata ed è morto sul colpo. I suoi compagni sono fuggiti prima dell’arrivo dei soccorsi e della polizia ferroviaria. Erano le 20.38, l’incidente è avvenuto al chilometro 255,4, vicinissimo alla frontiera francoitaliana. Secondo il quotidiano la Repubblica, la vittima è un algerino di circa 25 anni.


" io so che i migranti scelgono la via del treno... che vogliono andare in francia.. io so che il dovere è importante... che la gente non ascolta.. o ascolta poco... che la fame... di aver fretta.. e tanta.. che prima viene .. dopo gli altri... bhe anche col prima gli altri si fallisce.. il sistema sta fallendo... anzi è fallito  e al collasso... la terra sta morendo.. " 


storie di migranti  

"io son un uomo... come te ed altri.. viaggio di nazione in nazione col freddo a piedi nudi.. coi fili spinati in ungheria.. con gli scafi a lampedusa.. spesso muoio... viaggiando su barconi grandi grandi... arrivo stremato... a lampedusa.. vengo identificato... e mi rifiuto di farmi schedare.. arrivo in treno a genova... e vengo controllato sui treni... da poliziotti che devono ubbidire ad ordini... vengo smistato come carne in centri... ma il mio pensiero e riunirmi con i miei famigliari"

inizio così le storie che posso immaginare dei migranti. 

Nessun commento: