giovedì, maggio 29, 2014

pare .... che il sss sia di moda...imperia/ I bambini delle elementari di Imperia a lezione di "funghi"




5 luglio


5  luglio   5 luglio  5 luglio    siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii..................  movida...... for ever......







e che l'estate a luglio ci sia siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii........................  edizione 2013.... daje 2014  arriva daje daje estate daje .... con tante collaborazioni nuove daje notte bianca 2014








MOVIDA è VITA.... I REGOLAMENTI NU.....






movida  ...........

notix  imperia




studenti miti...... un esempio positivo per la città seguitelo... siempree

cmq


"pare che il sss sia di moda..." 

by guido arci c.


notix imperia... o la serietà è di moda e la paura è imperia  .... ma il nuovo pare essere in difficoltà....  oppure il passato fà il giro della ruota?










un buon esempio di educazione



privacy 


INTERNET. Se sapessi che il vicino di casa o il tuo professore possono accedere al tuo profilo e al tuo diario on-line, scriveresti le stesse cose e nella stessa forma?
Se vedi tua figlia turbata, le chiedi come è andata la giornata sui social network? I contenuti che hai pubblicato potranno danneggiarti nella ricerca del tuo prossimo lavoro?
Sono solo alcune delle domande che il Garante per la protezione dei dati personali affronta nella guida “Social Privacy - Come tutelarsi nell’era dei social network”. L’Autorità analizza i principali fenomeni, problemi e opportunità legate all’uso dei social network, e propone consigli e soluzioni che possano aiutare la “generazione 2.0”, utenti alle prime armi, insegnanti e famiglie, esperti e manager.
Nel vademecum sono prese in considerazione le nuove frontiere aperte non solo dai social network tradizionali, ma anche dalle numerose piattaforme di messaggistica sociale istantanea, la cui crescita è andata di pari passo con la rapidissima diffusione di smartphone e di altri strumenti come tablet e phablet, o le cosiddette “tecnologie indossabili” come occhiali e orologi “intelligenti”.
Proprio con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza degli utenti e offrire loro ulteriori spunti di riflessione e strumenti di tutela, il Garante ha proposto un decalogo che aiuta ad utilizzare le opportunità offerte dal mondo digitale difendendosi dalla trappole della Rete. Particolare attenzione è rivolta a fenomeni come quello delle false identità o come il sexting e il cyberbullismo che rischiano di rovinare la vita di tanti giovani anche minorenni.
LE DIECI REGOLE:
1. PENSACI BENE, PENSACI PRIMA: ricorda che immagini e informazioni che posti in rete possono riemergere grazie ai motori di ricerca a distanza di anni.
2. NON SENTIRTI TROPPO SICURO: le foto e video che scambi privatamente, magari di contenuto esplicito, possono essere sempre copiati ed inoltrati ad altre persone fuori dal giro di due amici. 
3. RISPETTO AGLI ALTRI: astieniti dal pubblicare informazioni personali e foto relative ad altri magari taggandone i volti
4. SERRA ALLA PORTA DEL TUO SMARTPHONE: Aggiorna l’antivirus usa log in e password
5. ATTENZIONE ALL’IDENTITÀ: non sempre parli, chatti e condividi informazioni con chi credi tu
6. OCCHIO AI CAVILLI: accertati di poter recedere facilmente dal servizio e di poter cancellare tutte le informazioni che hai pubblicato sulla tua identità
7. ANONIMATO MA NON PER OFFENDERE: in caso di violazioni non è poi così difficile risalire agli autori di messaggi anonimi postati su Internet
8. FATTI TROVARE SOLO DAGLI AMICI: ricorda di disattivare le funzioni di geolocalizzazione
9. SEGNALA L’ABUSO E CHIEDI AIUTO: non aspettare che la situazione degeneri ulteriormente e chiedi aiuto alle persone care e alle autorità competenti
10. PIÙ SOCIAL E PRIVACY MENO APP E SPAM: se non desideri ricevere pubblicità, ricordati che puoi rifiutare il consenso all'utilizzo dei dati per attività mirate di pubblicità, promozioni e marketing.
IL DOCUMENTO COMPLETO


Privacy e social network: ecco come tutelarsiper non avere ...




nel era delle foto amariali.. c'è sempre un permesso da chiedere....


ovvio....


ma mi domando e se il video viene rubato?


chi tutela chi?


alla prox.... cmq....



NO AL BAVAGLIO....... SI ALLA MARMELLATA.... 

BENVENUTI NEL ERA DELLA PAURA.... OVE I GIGANTI VINCONO..

VENDONO LIBRI PER IDEOLOGIA.... SE SEE



MA POI.... POSSO INSULTARE I PICCOLI....

VABBè VABBè..


GUIDO ARCI C.

SA DIFENDERSI DA TALI PERSONE... CHE I GRANDI .... ABBIANO UMILTà






NON SEMPRE LA LIBERTà è RACCONTARE LA VERITà....

FORSE LA GENTE CAPIRà....

CHE SI DEVE TUTELARE L'ARTE... NON VIETARLA....

CHE SI DEVE TUTELARE .... LA FOTO.... NON VIETARLA....


TUTERALE.... IL DIRITTO DI VIDEO.... NON VIETARLI

LA SINISTRA SIA QUESTO..... E NON REGOLE


NO TAV...... 


La Repubblica ‎- 1 giorno fa


no tav   


no tav 

daje movida e foto libere...............



Nessun commento: