martedì, maggio 31, 2016

SAVE AGNESI IMPERIA IN PRESIDIO/ solidarietà a chi non può aiutare a ventimiglia /Netturbini in sciopero: in 200 al corteo di protesta a Imperia

per solidarietà a chi non può aiutare a ventimiglia

basta fogli di via... basta violenza... basta repressione.. fateli andare in francia.... PER ME SOLIDARIETà a chi subisce.. a chi non può dare una mano... ai migranti... che non vogliono rimanere in italia... in queste ore... e giorni... ventimiglia.. e sotto assedio.. ripeto appello pacifico... e non violento... fate migrare.. le persone...

e ora i migranti... son in marcia come scritto su riverapress

I migranti rifiutano il pasto della Caritas sono ora seduti lungo 


ma la situazione e in evoluzione di minuto in minuto... fateli andare in francia.... e basta vi prego fogli di via... a chi vuole aiutare a migrare ... ora basta ... ve ne prego


BASTA FOGLI DI VIA ... BASTA... NON DIALOGO... SE HO OFFESO CHIEDO SCUSA.... CMQ OGGI PRESIDIO ANCHE PER L'AGNESI IMPERIA...











IMPERIA SAVE AGNESI... IMPERIA....



NOTIX IMPERIA....

Netturbini in sciopero: in 200 al corteo di protesta a Imperia



Circa duecento lavoratori, con bandiere delle sigle sindacali, e muniti di fischietto. Sono quelli appartenenti al settore ambiente, netturbini arrivati da tutta la provincia per lo sciopero indetto da Cgil, Cisl, Uil e Fiadel che si è concretizzato a Imperia in un corteo partito intorno alle 9,30 da piazza Ulisse Calvi. La manifestazione è proseguita lungo via Bonfante e poi si è snodata lungo viale Matteotti per approdare in prefettura. Una delegazione ha incontrato il prefetto Silvana Tizzano a cui è stato chiesto di farsi interprete a livello governativo dei problemi della categoria. L’iniziativa di protesta è legata al mancato rinnovo del contratto, scaduto oltre due anni fa. Ma in ballo c’è altro: «Stiamo battendoci per i nostri diritti che rischiano di essere calpestati- spiega Antonio Franza, vice segretario provinciale della Fiadel, e che lavora all’Amaie di Sanremo - Vogliono abolire gli articoli che tutelano i nostri posti di lavoro, cancellarli per una scelta politica che non condividiamo in nessun modo. Siamo stanchi di contratti che non ci rappresentano». Gli stipendi di un netturbino variano a seconda del livello di anzianità e di mansioni: si va dai 1200 ai 1600 euro. Tra i «cahiers des doleances» anche gli straordinari: «Siamo contrari - ammette Franza - Più opportuno sarebbe incrementare le assunzioni». Controparte dei sindacati di categoria, oltre al Governo, sono Assoambiente e Utilitalia.  


"LAVORO PER TUTTI"



Nessun commento: